Integratori anti fame naturali utili durante le diete dimagranti

Logo tuttogarda

dove andare cosa fare dove stare salute e benessere cerca








Integratori anti fame

Come ridurre l'appetito a tavola, fuori pasto e durante le diete

Durante le diete dimagranti spesso possono essere utili degli integratori naturali per ridurre un po' la fame ed evitare magari le abbuffate.

Può essere utile affiancare ad una dieta e all'uso di integratori per dimagrire anche prodotti per il corpo, come creme snellenti o creme anti cellulite.

Inoltre in alcune fasi della vita possono esserci dei momenti in cui ci si accanisce sul cibo come riempitivo oppure per assecondare ogni attacco di fame, magari prima del ciclo per le donne, o durante la fase di meno pausa.

La natura ci offre degli alimenti che possono essere dei validi supporti per evitare gli attacchi di fame o le abbuffate fuori pasto.

Spesso si tratta di un appetito di origine nervosa che può essere tenuto a bada con alcuni integratori che favoriscono il senso di sazietà a zero calorie.

Quali integratori prendere come anti fame

Integratori anti fame
Ci sono in vendita integratori anti fame e a potere saziante da prendere sotto forma di compresse o tisane, ma in alcuni casi ci sono degli ingredienti che la natura ci offre che si possono usare direttamente in cucina per arricchire le nostre ricette.

Come per i rimedi brucia grassi, anche i rimedi anti fame possono essere spezie, radici, funghi, erbe...

Gli integratori che aiutano a ridurre la fame e le abbuffate nervose sono:

- Cacao

- Estratto di fagiolo

- Fibre solubili

- Guaranà

- Fungo Reishi

- Latte di soia

- Griffonia

- Resveratrolo

- Schisandra

Cacao: aumenta la sazietà e aiuta l'intestino

Potrà sembrare strano, visto che il cacao spesso si associa al cioccolato, calorie, peccati di gola, invece i semi di cacao sono davvero utili per limitare la fame fuori pasto.

La teobromina, sostanza contenuta nei semi di cacao, può essere utile per favorire il perdere di peso stimolando direttamente il tessuto adiposo e accellerando la termogenesi, (i processi che trasformano l'energia introdotta con il cibo in calore).

La teobromina aiuta a bruciare più calorie facendo smaltire gli accumuli di depositi di grasso.

Inoltre il cacao ha un'azione energizzante ed euforizzante ed innalza i livelli di serotonina, l'ormone del buonumore.
Per questi motivi il cacao è importante per calmare la fame nervosa.

Anche il cioccolato fondente extra amaro contiene caffeina e teobromina, sostanze anti ossidanti che stimolano il metabolismo e contengono magnesio, fenilalanina e triptofano, utili per l'umore e per aumentare il senso di sazietà.

Quando si è sotto stress si può consumare del cacao amaro per limitare che le tensioni siano scaricate a tavola mangiando.

Si può assumere in compresse oppure ci si può concedere un quadratino di cioccolato extra fondente da sciogliere lentamente in bocca.

Prendendo il cacao in compresse si consiglia di assumere una pastiglia prima di pranzo e una prima di cena.

Se si uniscono i benefici del cacao amaro con le fibre, ad esempio pane nero, aumenta l'effetto saziante e aiuta l'intestino.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Estratto di fagiolo per combattere la voglia di dolci

È grazie all'involucro del seme di fagiolo (baccello) e alle sue fibre che l'intestino ne trae beneficio rallentando l'assorbimento degli zuccheri.

In questo modo si limita l'apporto calorico degli alimenti ingeriti e si evitano i picchi glicemici, responsabili della fame fuori pasto.

Le proteine del fagiolo concentrate sono utilizzate già da parecchio tempo come integratore alimentare durante le diete dimagranti.

La loro funzione è di ridurre l'azione delle amilasi (gli enzimi che si dedicano alla digestione degli amidi) durante la digestione impedendo che gli amidi vengano trasformati in zuccheri semplici e convertiti poi in grasso.

Prendendo un integratore a base di estratto di fagiolo si riesce così a ridurre i picchi di glicemia dopo i pasti limitando il rilascio di insulina e favorendo il senso di sazietà.

Si consiglia questo integratore a chi esagera con i carboidrati, pane, pasta, pizza, inoltre ha anche un'azione diuretica, utile contro la cellulite.

Si può prendere l'estratto di fagiolo anche soltanto in alcuni momenti, ad esempio prima del ciclo mestruale, per diminuire la voglia di dolci.

In genere l'assunzione di questo integratore non deve essere protratta a lungo, al massimo periodi di trenta giorni.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Fibre solubili: per sentirsi sazi

In genere le fibre solubili sono contenute nella frutta, in alcuni legumi, nelle verdure e nei fiocchi di avena.

Queste fibre devono essere sciolte in acqua raddoppiando il volume e diventando quasi gelatinose. Insieme al cibo poi aumentano il senso di sazietà.

Possono essere anche un valido aiuto a chi soffre di stipsi.

Il modo migliore per assumere le fibre solubili è di utilizzare quelle presenti naturalmente negli alimenti.

I cibi più ricchi di fibre solubili sono:

- le carote,
- i carciofi,
- le fave,
- i piselli, il cavolo,
- le cipolle,
- la zucca,
- le mele con la buccia,
- le albicocche
- le banane.

Le fibre solubili aiutano ad assorbire meno zuccheri e ad abbassare i livelli di glicemia.

Oltre agli alimenti ricchi di fibre si possono assumere anche degli integratori come quelli a base di guar, di chitosano, di polpa di baobab.

Si possono prendere due bustine al giorno mezz'ora prima dei pasti oppure una bustina prima di andare a dormire per risvegliare l'intestino.

Si consiglia di bere sempre molto quando si assumono fibre solubili.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Guaranà: energia, vitalità e sveglia al metabolismo

Il guaranà è una pianta rampicante sempreverde, originaria della Foresta Amazzonica.

Il guaranà è un ottimo energizzante, per questo è sconsigliato la sera.

Ha proprietà dimagranti e anti fame inoltre stimola l'intestino e aiuta a contrastare la ritenzione idrica.

È meglio non esagerare con le dosi e con la cura.

In genere si consiglia di non prolungarla oltre ai 20 giorni.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Fungo Reishi: elimina tossine, scorie e grassi cattivi

Integratori anti fameIl Ganoderma lucidum, conosciuto come fungo Reishi, è un fungo usato in Cina da oltre quattromila anni per favorire la longevità.

Alcuni recenti studi hanno dimostrato le sue proprietà antiossidanti e antinfiammatorie, inoltre migliora il funzionamento tiroideo, digestivo e nervoso.

Il Reishi favorisce l'eliminazione delle scorie, delle tossine e dei grassi cattivi come adipe e colesterolo.

Questo miracoloso fungo aumenta il livello delle energie e il funzionamento del metabolismo facendo diminuire il senso di fame eccessiva.

Controlla gli stati ansiosi, quindi può essere un valido aiuto nel controllare e limitare la fame nervosa e gli sbalzi glicemici.

Si consiglia l'uso di un integratore a base di fungo reishi ganoderma dopo un periodo di stravizi alimentari, ad esempio dopo le abbuffate durante le feste.

Può ridurre il grasso addominale causato dagli sbalzi glicemici di un consumo eccessivo di carboidrati.

Si può assumere in compresse o bevande.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Latte di soia: poche calorie e tante proteine

Il latte di soia è ricco di proteine vegetali per questo per avere benefici sulla dieta si consiglia di alternare le proteine di origine animale con quelle vegetali, ad esempio a base di soia.

Inoltre la soia ha la capacità di ostacolare l'accumulo di grassi secondo uno studio recente.

Grazie ad una proteina contenuta nella soia, la beta-conglycining, questo alimento ha importanti effetti anti-infiammatori.

Un organismo infiammato ha il metabolismo rallentato quindi è importante disinfiammarlo per favorire la perdita di peso.

Il latte di soia è in assoluto il latte vegetale meno calorico (se al naturale) e il più proteico.

Può essere un valido sostituto durante le diete al latte vaccino.

È consigliato durante la fase premestruale perché molto ricco di ferro e fitoestrogeni, e anche durante la meno pausa.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Griffonia: limita le abbuffate da fame nervosa

Griffonia: Integratori anti fame I semi di Griffonia sono utili per aumentare i livelli di serotonina, ovvero l'ormone del buon umore.

Gli estratti dei semi di griffonia sono usati in caso di depressione, di ansia, insonnia, fame nervosa.

Un aumento della serotonina secondo recenti studi può apportare al rapido miglioramento dell'umore e quindi ad una diminuzione dell'appetito, limitando la fame nervosa e le conseguenti abbuffate, soprattutto di pane, pasta, pizza e carboidrati in genere.

Si possono prendere degli integratori a base di griffonia per combattere il grasso accumulato sul girovita e sulla pancia, sintomo di un eccesso di carboidrati.

Mentre si assume la griffonia è bene utilizzare solo carboidrati non raffinati per permettere un aumento dell'azione della pianta.

È utile anche per fermare quella fame improvvisa e nervosa che può assilire a metà pomeriggio.

Si possono prendere 1 o 2 capsule al giorno per circa un mese.

Il suo effetto è ovviamente garantito se abbinato ad una dieta ipocalorica.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Resveratrolo: un aiuto contro i picchi di glicemia

Il resveratrolo è contenuto nella buccia degli acini dell'uva.

Aiuta a perdere peso perché favorisce il controllo dell'indice glicemico e ha una forte azione antiossidante che stimola i meccanismi fisiologici di eliminazione del grasso.

Può aiutare ad accellerare il metabolismo, inoltre stimola la produzione di collagene per prevenire i segni di invecchiamento cutaneo.

Si consiglia l'assunzione di 1/2 compresse per almeno un mese ogni giorno prima dei pasti principali con abbondante acqua per favorire il senso di sazietà.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi

Schisandra: per tonificare il fegato e la digestione

Schisandra: Integratori anti fame Cos'è la schisandra?
La schisandra è una liana presente in oriente di cui si usano gli estratti ridotti in polvere per far diminuire lo stress, la fame nervosa e per stimolare il sistema nervoso.

Chi ha l'abitudine di esagerare con il cibo spazzatura può trarre grande beneficio nell'uso di questo integratore nella dieta perché depura il corpo e attenua la dipendenza dal cibo malsano.

Riequilibra la pressione del sangue e può aiutare chi soffre di sindrome metabolica.

La schisandra contiene oli essenziali importanti che aiutano a rigenerare il tessuto epatico danneggiato magari da abuso di alcol, di grassi e zuccheri.

Si trovano in commercio in erboristeria le bacche di schisandra essicate.

Si possono prendere fino a 30 gr al giorno, magari proprio nel momento in cui si è assaliti da una fame nervosa.

Può essere utile anche a merenda aggiungendo una presa di bacche di schisandra allo yogurt.

Correlati: Rimedi naturale sciogli grassi







dove andare cosa fare dove stare salute e benessere cerca